Bonus Formazione 4.0

Bonus Formazione 4.0

Per leggere l’articolo aggiornato con le modifiche della Legge di Bilancio 2019, cliccare qui:

Bonus Formazione 4.0 Esteso il credito d’imposta per il 2019

  1. Nella legge di Bilancio 2018 debutta il credito d’imposta formazione 4.0. Questo incentivo rappresentato sotto forma di agevolazione, spetta a tutte le imprese che nel 2018 realizzano attività di formazione del personale dipendente nel settore delle tecnologie previste dal Piano nazionale impresa 4.0.
  2. L’incentivo pari al 40% delle spese ammesse nell’anno 2018 riferiti al costo aziendale del personale occupato nell’attività di formazione ed entro i limiti di 300.000 euro, ha comunque una durata temporanea e un budget complessivo di 250 milioni di euro.
  3. Preme sottolineare che per quel che concerne le disposizioni applicative, con particolare riguardo alla documentazione richiesta, all’effettuazione dei controlli e alle cause di decadenza dal beneficio, quest’ultime dovranno essere stabilite con decreto ministeriale, che dovrà essere adottato entro 90 giorni dall’entrata in vigore della Legge di Bilancio 2018, e presumibilmente entro fine marzo.
  4. Sono destinatari del credito d’imposta, tutte le imprese, indipendentemente dalla natura giuridica, dal settore economico di appartenenza, dalle dimensioni, dal regime contabile adottato e dalle modalità di determinazione del reddito ai fini fiscali.
  5. Il credito d’imposta è quindi una misura di carattere generale che comprenderebbe stando alle precisazioni fornite dall’Agenzia delle Entrate in seno a precedenti e similari agevolazioni, anche stabili organizzazioni di imprese non residenti nonché di enti non commerciali.
  6. Essendo che la norma non pone alcuna limitazione circa la data di inizio dell’attività d’impresa, rimane coerente il pensiero secondo cui l’agevolazione dovrebbe competere anche alle neo imprese, ossia alle imprese che intraprendono l’attività nel periodo di imposta successivo a quello in corso al 31 dicembre 2017.
  7. Sono escluse dal perimetro dell’agevolazione i professionisti o più nello specifico i soggetti titolari di reddito di lavoro autonomo.
  8. Il credito d’imposta può essere fruito dalle imprese per corsi di formazione su tecnologie previste dal Piano Nazionale Impresa 4.0 e più nello specifico:
  • Big data e analisi dei dati;
  • Cloud e fog computing;
  • Cyber security;
  • Sistemi cyber-fisici;
  • Prototipazione rapida;
  • Sistemi di visualizzazione e realtà aumentata;
  • Robotica avanzata e collaborativa;
  • Interfaccia uomo macchina;
  • Manifattura additiva;
  • Internet delle cose e delle macchine;
  • Integrazione digitale dei processi aziendali.
  1. Per gli ambiti di applicazione si prevede che le attività formative dovranno essere pattuiti attraverso contratti collettivi aziendali o territoriali e riguardare l’ambito della vendita e del marketing, informatica e tecniche e tecnologie di produzione, dove per:
  • Vendita e marketing: le attività di formazione possono essere relative a acquisti, commercio al dettaglio, commercio all’ingrosso, gestione del magazzino, servizi ai consumatori, stoccaggio, tecniche di dimostrazione, marketing, ricerca di mercato.
  • Informatica e tecniche: le voci ammesse sono: analisi di sistemi informatici, elaborazione elettronica dei dati, formazione degli amministratori di rete, linguaggi di programmazione, progettazione di sistemi informatici, programmazione informatica, sistemi operativi, software per lo sviluppo e la gestione dei beni strumenti, altri software;
  • Tecnologia di produzione: robotica, sistemi di comunicazione, tecnologie delle telecomunicazioni, tecnologie di elaborazione dati, biotecnologie, agricoltura di precisione, confezione di calzature, produzione di capi di abbigliamento, tecnologie edili ed ingegneristiche.
  1. Nel perimetro dell’agevolazione è esclusa tassativamente la formazione ordinaria o periodica organizzata dall’impresa per adeguarsi alla normativa vigente in materia di salute e sicurezza sul luogo di lavoro, di protezione dell’ambiente e di ogni altra normativa obbligatoria in materia di formazione.
  2. Al fine di beneficiare del credito d’imposta, la norma impone che i costi sostenuti siano certificati dal soggetto incaricato della revisione legale o da un professionista iscritto nel registro dei revisori legali.
  3. Il credito d’imposta sarà utilizzabile esclusivamente in compensazione a decorrere dal periodo d’imposta successivo al 2018.
  4. Quest’ultimo dovrà essere indicato nella dichiarazione dei redditi relativo al periodo d’imposta in cui sono state effettuate le spese ed inoltre non concorre alla formazione del reddito e della base imponibile IRAP, così come ad ulteriori limiti di utilizzo di crediti d’imposta.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

D.F. Consulting S.r.l.

Capitale Sociale: euro 10.000 di cui 2.500 euro versato

Codice Fiscale/ Partita Iva e Iscrizione al Registro delle Imprese di Salerno: 05631160651

Numero REA: SA 461436

Casella PEC: df-consultingsrl@pec.it