Avviso pubblico relativo all’artigianato campano per la valorizzazione del territorio

Avviso pubblico relativo all’artigianato campano per la valorizzazione del territorio

  1. L’azione supporta le imprese artigiane nel promuovere la qualità, l’autenticità, l’innovazione e lo sviluppo dei prodotti dell’artigianato artistico di qualità e religioso in Campania, valorizzando la cultura e le arti dei territori regionali anche attraverso nuove tecnologie digitali, il design, lo sviluppo di reti d’impresa in coerenza con i settori individuati nella RIS3 Campania.
  2. Scopo dell’intervento è quello di perseguire le seguenti finalità:
  • Promuovere l’artigianato tradizionale;
  • Promuovere l’artigianato religioso;
  • Favorire l’ammodernamento e l’innovazione del Sistema Artigiano;
  • Promuovere la semplificazione ai cittadini e alle famiglie nell’acceso ai servizi forniti dai mestieri artigiani;
  • Sostenere forme di aggregazione tra le imprese artigiane;
  • Favorire gli interventi per potenziare l’identificabilità e la tracciabilità delle lavorazioni artigianali.
  1. L’Avviso prevede la procedura di selezione a sportello e la concessione delle agevolazioni ai sensi del Regolamento de minimis.
  2. La dotazione finanziaria complessiva è pari ad euro 28.000.000 divise nelle rispettive linee di intervento.
  3. Possono presentare domanda di agevolazione le Micro, Piccole e Medie imprese artigiane (MPMI) annotate nell’apposita sezione speciale del Registro delle Imprese istituita presso una delle CCIAA presenti sul territorio regionale ed aventi sede legale ed operativa nel territorio della Regione Campania.

Possono altresì accedervi Consorzi o Società Consortili e reti d’impresa con almeno 2 imprese artigiane presenti.

  1. Sono previsti requisiti di ammissibilità alla data di presentazione della domanda e tra le quali si annoverano; (unità operativa in Campania, essere annotato nel registro speciale C.C.I.A.A., essere in regola con il DURC, non presentare caratteristiche di impresa in difficoltà, essere impresa attiva all’atto della pubblicazione dell’avviso e così via).
  2. L’avviso sostiene la realizzazione di tre linee di intervento:

 

LINEA A – PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE IMPRESE ARTIGIANE ARTISTICHE RELIGIOSE Sono destinatari di questa linea tutte le imprese artigiane operanti nel settore dell’artigianato tradizionale, in particolare di quello artistico, così come descritto nella “Carta internazionale dell’Artigianato Artistico”.

I progetti potranno prevedere:

·        la realizzazione di produzione tipiche di qualità legate alla creatività, alla manualità, all’arte e alle conoscenze dei territori di elevato valore artistico;

·        l’integrazione verticale con altre imprese delle filiere culturali e turistiche e delle filiere dei prodotti tradizionali e tipici anche con l’utilizzo di soluzioni innovative/ICT;

·        la valorizzazione dei percorsi delle produzioni artistiche, delle botteghe storiche e degli antichi mestieri,

·        gli interventi per potenziare l’identificabilità e tracciabilità delle produzioni.

La dotazione finanziaria è pari ad euro 14.000.000,00 e di questo importo un parte pari ad euro 5.000.000,00 è riconosciuto prioritariamente alle imprese operanti nel settore dell’artigianato religioso per favorirne la modernizzazione/diversificazione.

LINEA B – INNOVAZIONE DELLE IMPRESE ARTIGIANE Sono destinatari le imprese artigiane operanti in tutti i settori.

I progetti potranno prevedere:

·        l’introduzione di processi o di singole fasi di produzione basate sull’utilizzo di tecnologie digitali;

·        l’utilizzo di strumenti/sistemi che impieghino le tecnologie digitali e la progettazione computerizzata

La dotazione finanziaria prevista è pari ad euro 7.000.000,00.

LINEA C – SVILUPPO DI NUOVE TECNOLOGIE PER LA FRUIZIONE DEI SERVIZI DELLE IMPRESE ARTIGIANE Sono destinatari le imprese artigiane operanti in tutti i settori.

I progetti potranno prevedere:

·        l’utilizzo di tecnologie per garantire l’accesso della clientela ai servizi forniti, anche attraverso nuove modalità di fruizione dei servizi, di comunicazione e di promozione delle attività artigiane;

·        la progettazione e realizzazione di “app” dedicate, di portali, di siti web, di numeri verdi e di ogni altro intervento che comporti l’uso delle più avanzate tecnologie di comunicazione;

·        l’integrazione e aggregazione tra imprese artigiane per facilitare e semplificare la reperibilità dei servizi “full time” a tariffe e prestazioni certe.

La dotazione finanziaria prevista è pari ad euro 7.000.000,00.

 

  1. Le agevolazioni sono concesse tra un minimo di euro 25.000,00 e un massimo di euro 200.000,00 a copertura dell’investimento nella forma di:
  • Contributo in conto capitale pari al 40% dell’investimento ammesso;
  • Finanziamento a tasso agevolato pari al 60% dell’investimento ammesso.

Il finanziamento prevede le seguenti condizioni:

 

Importo minimo Euro 25.000,00
Importo massimo Euro 200.000,00
Preammortamento 12 mesi decorrenti dalla data di erogazione della prima tranche. Nel periodo di preammortamento il beneficiario non paga alcuna rata e i relativi interessi di preammortamento vengono suddivisi quote uguali su ciascuna rata del piano di ammortamento.
Durata (compresa di preammortamento) 7 anni, di cui i primi 12 mesi di pre-ammortamento decorrenti dalla data di erogazione della 1° tranche delle agevolazioni.
Tasso d’interesse 0,50%
Tasso di mora In caso di ritardato pagamento, si applica al Beneficiario un interesse di mora pari al tasso legale.
Modalità di rimborso SEPA Direct Debit, SDD con addebito sul conto corrente.
Garanzie L’intero finanziamento è assistito dalla garanzia per la realizzazione dell’intervento ammesso all’agevolazione tramite l’utilizzo di un conto corrente vincolato. La restituzione della quota del finanziamento a tasso agevolato erogata dovrà essere assistita da garanzie di natura reale e/o personale, nei modi e nei termini previsti dalla normativa vigente al momento della conclusione del programma degli investimenti.

 

  1. Le spese ammissibili sono distinte per linee di intervento e in % differenti in base al tipo di spesa da effettuare esse siano opere murarie ed assimilate, beni materiali nuovi di fabbrica, beni immateriali e servizi e consulenze specialistiche.
  2. Sono esclusi gli investimenti realizzati tramite locazione finanziaria, leasing o leaseback, beni materiali usati, IVA se detraibile e così via.
  3. Le agevolazioni previste dal Bando non sono cumulabili con altri aiuti pubblici concesse per le medesime spese, incluse le agevolazioni concesse sulla base del Regolamento de minimis.
  4. La registrazione al portale preposto appositamente per questo Bando sarà aperto in data 25/05; entro il 10/06 potranno essere caricare le domande con i relativi allegati ed in data 25/06 sarà previsto l’invio ufficiale.
  5. Sviluppo Campania procede all’istruttoria delle domande di accesso alle agevolazioni secondo l’ordine cronologico di presentazione, ed entro 60 giorni dalla data di ricezione della domanda provvede a comunicare a mezzo PEC l’esito dell’istruttoria.
  6. In caso di esito positivo, entro 30 giorni della ricezione della comunicazione, dovrà essere inviata apposita comunicazione richiesta necessaria per la stipula del Contratto di finanziamento.
  7. Le modalità di erogazione delle agevolazioni avvengono sulla base di presentazione di fatture d’acquisto non quietanzate. I pagamenti delle relative fatture sono effettuati tramite il conto corrente vincolato, a seguito del versamento sullo stesso conto delle agevolazioni da parte di Sviluppo Campania e della corrispondente quota di IVA  a carico del beneficiario. L’erogazione avviene almeno in 2 tranche e un massimo di 3 tutte su un conto corrente vincolato.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

D.F. Consulting S.r.l.

Capitale Sociale: euro 10.000 di cui 2.500 euro versato

Codice Fiscale/ Partita Iva e Iscrizione al Registro delle Imprese di Salerno: 05631160651

Numero REA: SA 461436

Casella PEC: df-consultingsrl@pec.it